Maria Canto Gesù, un sito per pregare, amare, gioire...
 Dedicato a Silvana
Sezione dedicata alla mia sorellina Silvana Alla mia sorellina Silvana che ora ci guarda dal cielo e sorride felice...
Gesù, finalmente...
Perchè questo sito
 Menù                         
  Home page
  Dove siamo
  Per venire da noi
  Verso Gesù
  Radio Gesù
  Video Gesù
  Ecco la tua Mamma
  Canzonieri per una Messa Gioiosa
    Nuovi Canzonieri V3
  Canzoniere per Fare Festa:
  Sfondi
  Player
  Giovanni Paolo II
  Madre Teresa
  Angelo Comastri
  Cellule Parrocchiali
  Azione Zuki
  Testimonianze/Contatti
  Links
 Andate in tutto il mondo
  FaceBook
  Twitter
  YouTube
  Gloria TV
  MySpace
 La radio che guarisce
Sezione dedicata alla nostra piccola radio Canti e Catechesi presenti sulla nostra piccola radio...
 I nostri video
Sezione dedicata ai Video del canale Canto Gesù su YouTube VideoCanti, VideoCatechesi, VideoCuore...
 La popolarità di Canto Gesù
dal 7 Maggio 2001
al 31 Dicembre 2015

Diffusione Cantogesù su FaceBook
6.650 "mi piace" al 31/12/2015

Diffusione Cantogesù su YouTube
1.400.000 al 31/12/2015

Guarda la diffusione Canto Gesù

 Portaci nel tuo Sito/Blog
Sezione dalla quale puoi scaricare il logo Canto Gesù
Michele Pavanello

Michele Pavanello
(Michele Pavanello - FaceBook)

“Desidero comunicare la Buona Novella del Vangelo attraverso la musica...”

Michele Pavanello nato ad Adria (RO) il 5 agosto 1969. Entro in conservatorio nel 1978. Dopo 5 anni le regole troppo rigide mi portano ad uscire e incontro la musica per la strada, il blues, la west coast. Diversi gruppi e formazioni musicali come bassista, cantante, pianista e autore. L’incontro con Don Marco Balzan e con la Tribù di Yahweh nel 2006 mi portano ad innamorarmi della christian music. Nel 2009, dopo uno studio bellissimo sulle Beatitudini di Matteo comincio a lavorare a “Otto Strade”. Oggi canto le mie canzoni.

E così, dopo quasi 25 anni che non mettevo piede in una chiesa, entrai. Era fredda ma accogliente, come lo sono spesso nei piccoli paesi di campagna. Mi sedetti sull’ultima seggiola in fondo a sinistra, vicino alla fonte battesimale. Un ambiente piccolo, rivestito di marmo, dal quale arrivava un filo di aria gelida, per via di un vetro rotto sulla finestra. Cominciai a scrutare le persone che stavano sedute davanti a me.

Era una domenica mattina di fine gennaio e la Santa Messa non era ancora iniziata. La gente vestita a festa, stava prendendo posto e si salutava con fare gentile. Ero lì per un solo motivo, vedere lei. Da pochi giorni era venuto a mancare suo padre e per diverse ragioni, che non sto ora a raccontare, non ero ancora riuscito a vederla, né a sentirla. Ci conoscevamo solo da un paio di mesi e quella tragedia, seppure annunciata per via di una lunga malattia, aveva sconvolto la vita di quella famiglia. Ad un certo punto la scorsi, di spalle, seduta in uno dei primi banchi vicini all’altare, stretta fra le braccia della madre e della sorella.

Nel riquadro sopra puoi vedere alcuni momenti di vita...

Mi rasserenai. Cominciai a pensare come avvicinarla finita la Messa e cosa avrei potuto dirle. No, forse era meglio non dire niente. Un abbraccio e una carezza, si farò così, pensai. Mentre ero immerso in questi pensieri il prete aveva già iniziato la sua omelia. Era un uomo sulla cinquantina, di bassa statura, simpatico, il viso rotondo e gli occhiali in punta di naso, teneva spesso un braccio alzato ad indicare il cielo e nell’altra mano un foglietto di appunti.

Parlava in modo semplice, dolce, come si rivolgesse a dei bambini, ma le sue espressioni erano decise, come chi sa esattamente qual era il nocciolo della questione. Era molto diverso dai preti che avevo ascoltato molti anni prima, nella mia infanzia. Non so per quale motivo, ma in quel preciso momento mi sentii sereno, in pace, appagato, come non accedeva da moltissimo tempo o forse come non era mai accaduto prima.

Un giorno vi racconterò cosa accadde da quella domenica, ma per ora vi basti sapere che da lì tutto ebbe inizio.

Molte cose le potete trovare in questo mio lavoro “Otto Strade”, un cd di musica cristiana nel quale credo molto. Un amico un giorno mi disse che arrivare a produrre un cd è come mettere al mondo un figlio. Sembra un traguardo raggiunto ma in realtà è solo l’inizio di un percorso in cui devi imparare a farlo crescere.

E così, amici e ascoltatori di Radio Gesù, vi affido “Otto Strade”, come se fosse un figlio. Mi auguro che possa accompagnarvi lungo le strade della vita. Mentre scrivevo queste canzoni mi sono sempre fatto una domanda: “Ma sto davvero facendo la volontà del Padre?” Una risposta ancora non ce l’ho, ma una cosa l’ho imparata: l’amore che Gesù ci ha insegnato deve arrivare a tutti i nostri fratelli, una stretta di mano, un abbraccio, un saluto o un canto.

A presto. Michele.

 Radio Gesù

CD Otto Strade
Società che ha realizzato questo sito © 2016 Canto Gesù ; 07/05/2001   Release 2016 - Compatibile 100% IE 11, Chrome, Firefox e Safari - Ottimizzato per risoluzione 1024x768 - All rights reserved. Sito della IDWEB società che ha realizzato questo sito