Maria Canto Gesù, un sito per pregare, amare, gioire...
 Dedicato a Silvana
Sezione dedicata alla mia sorellina Silvana Alla mia sorellina Silvana che ora ci guarda dal cielo e sorride felice...
Gesù, finalmente...
Perchè questo sito
 Menù                         
  Home page
  Dove siamo
  Per venire da noi
  Verso Gesù
  Radio Gesù
  Video Gesù
  Ecco la tua Mamma
  Canzonieri per una Messa Gioiosa
    Nuovi Canzonieri V3
  Canzoniere per Fare Festa:
  Sfondi
  Player
  Giovanni Paolo II
  Madre Teresa
  Angelo Comastri
  Cellule Parrocchiali
  Azione Zuki
  Testimonianze/Contatti
  Links
 Andate in tutto il mondo
  FaceBook
  Twitter
  YouTube
  Gloria TV
  MySpace
 La radio che guarisce
Sezione dedicata alla nostra piccola radio Canti e Catechesi presenti sulla nostra piccola radio...
 I nostri video
Sezione dedicata ai Video del canale Canto Gesù su YouTube VideoCanti, VideoCatechesi, VideoCuore...
 La popolarità di Canto Gesù
dal 7 Maggio 2001
al 31 Dicembre 2015

Diffusione Cantogesù su FaceBook
6.650 "mi piace" al 31/12/2015

Diffusione Cantogesù su YouTube
1.400.000 al 31/12/2015

Guarda la diffusione Canto Gesù

 Portaci nel tuo Sito/Blog
Sezione dalla quale puoi scaricare il logo Canto Gesù
Sorelle Povere di Santa Chiara - Camerino

SORELLE POVERE DI SANTA CHIARA
(www.sorellepoveredisantachiara.it)

CHIARA, fondatrice delle clarisse (da Clara - Chiara), è una giovane di Assisi che a 18 anni, colpita dalla testimonianza di San Francesco e guidata dal medesimo Spirito, la notte del 18 marzo 1212, Domenica delle Palme, scappa di casa per intraprendere una nuova vita.

A Santa Maria degli Angeli l'attendono Francesco e i suoi primi compagni, per tagliarle i capelli, segno della decisione irrevocabile di consegnare la sua vita nelle mani del Signore. Ben presto la seguono altre donne tra cui la madre e la sorella.

Si riuniscono poi in San Damiano: per questo sono chiamate damianite. La regola di vita delle Clarisse, con il voto di altissima povertà, fu approvata dal Papa Innocenzo III, solo due giorni prima che Chiara morisse, il 9 agosto 1253.

LA REGOLA DI SANTA CHIARA: La regola di santa Chiara del 1253, o meglio la Forma di vita dell’Ordine delle Sorelle Povere di San Damiano, di cui Chiara ebbe l’approvazione dalla Sede Apostolica solo due giorni prima della sua morte (9 agosto 1253), è il punto di arrivo di una serie di esperienze, attraverso cui il gruppo di San Damiano è passato, per decenni, scivolando sempre invitto attraverso pressioni esterne per mitigare la povertà assoluta, in comune oltre che personale, che – come è il nucleo centrale della Regola definitiva (c. VI) – così fu certamente anche il primo fondamento della fraternità, nella “formula vitae” iniziale, data da san Francesco al sorgere del nuovo Ordine e citata dalla Regola stessa al cap. VI, oltre che da altre fonti.

Attraverso un iter complesso, variamente studiato, la formula iniziale data da san Francesco al monastero di San Damiano (1211-1218) si evolve, senza nulla perdere tuttavia di quella ispirazione fondamentale che ha determinato l’Ordine nella mente e nel cuore di san Francesco.

Per questo la Regola del 1253 - a ventisette anni dalla morte di san Francesco - è detta, con piena verità, dalla Sede Apostolica: “la forma di vita e il modo di santa unità e di altissima povertà che il beato padre vostro Francesco vi consegnò a voce e in scritto da osservare” (Regola, 16).

Alla base della forma di vita di santa Chiara è l’esperienza dell’umiltà e della povertà del Figlio di Dio, il messaggio evangelico del “perdere la propria vita” (Mt 10,39) sui passi di Cristo e della sua Madre poverella. Un retrocedere di sé, di fronte a un “dono” di grazia, la stessa di san Francesco: “la grazia di fare penitenza... vivendo secondo la perfezione del santo Vangelo” (Regola c. VI, 1.3).

Nel riquadro sopra puoi vedere alcune foto delle Sorelle Povere di Santa Chiara


E, accanto a questa, l’altra grazia, ugualmente evangelica e francescana della fraternità, anch’essa “dono”, in cui non più il singolo, ma l’intero gruppo fa esperienza di quell’amore che comunica e stringe, in un’unica vita, quanti da Dio sono nati. La divisione in capitoli non esiste nel testo originale, che si conserva tra le reliquie del Protomonastero di Santa Chiara in Assisi. La traduzione, di F. OLGIATI è sulla recente edizione di I. BOCCALI, Concordantiae verbales opusculorum S. Francisci et S. Clarae Assisiensium, S. Mariae Angelorum - Assisii 1976, pp. 167-184.


LA STORIA DEL NOSTRO MONASTERO: la nostra storia è da sempre legata al casato dei Varano, e prende l’avvio dalla decisione di Giovanni Varano, nonno di Camilla, il quale, durante i lavori di ristrutturazione delle mura cittadine, pose a custodia delle porte della città alcune comunità religiose.

Per questo motivo il 18 luglio 1384 istituì il Monastero di Santa Maria Nova – che solo successivamente fu dedicato a S. Chiara - affidandolo a 12 monaci olivetani. Successivamente Giulio Cesare Varano farà trasferire i monaci per dare inizio ai lavori di ampliamento di quel Monastero che avrebbe ospitato la figlia prediletta, ormai lontana dal suo sguardo paterno perché entrata a far parte della comunità delle clarisse in Urbino.

Il 4 gennaio 1484, infatti, insieme ad altre otto Sorelle provenienti dal Monastero di Urbino, Camilla Battista torna a Camerino, in obbedienza al Santo Padre. E sarà proprio lei a dare lustro al Monastero - del quale fu abbadessa per parecchi anni - vedendolo prosperare con l’arrivo di molte giovani desiderose di camminare nella via del Vangelo, seguendo fedelmente la forma di vita di Chiara d’Assisi.

PER STARE CON IL SIGNORE: "«Tu, o Signore, per grazia sei nato nell’anima mia» (b. Camilla Battista Varano) Il senso del nostro "stare con il Signore" è la continua ricerca del volto di Dio, nelle profondità del suo mistero e nelle tracce che Egli lascia di sé nella storia e nel quotidiano. Con la fedeltà al Vangelo, nell'ascolto profondo delle esigenze dell'umanità, realizziamo una particolare fecondità apostolica che passa per le vie misteriose della preghiera e della comunione e che costituisce la nostra principale responsabilità verso la storia del nostro tempo. La ricchezza della Parola di Dio, della liturgia, e della vita spirituale della chiesa nutre la nostra relazione con il Signore, alimentando in noi il desiderio di imitarlo. Diverse sono le vie per giungere all'incontro orante con Dio.


PREGHIERA PERSONALE:
Dio ci chiama irresistibilmente all'esperienza del suo amore, della sua intimità e della sua potenza; il luogo di questa chiamata è, oggi come ieri, il silenzio. Lo Spirito Santo, maestro di vita interiore, guida la persona verso il pieno coinvolgimento di sé - mente, cuore e mani - accompagnandola nell'esperienza dell'incontro con il Padre. La preghiera personale vissuta in solitudine, è espressione di quel dialogo d'amore che costituisce la più alta azione di cui l'uomo è capace. Il significato più profondo della contemplazione è "stare nel tempio con qualcuno", entrare cioè in contatto con la presenza viva e trasformante di Dio, l'unico in grado di plasmare in noi i lineamenti del Figlio. L'educazione al silenzio e all'ascolto dell'Altro diventa, quindi, il desiderio fondamentale che attraversa



la nostra giornata, secondo l'esempio di Chiara che, tenendo fisso il suo sguardo in Dio, "non lasciava cadere mai dalla sua mente il ricordo di Lui"..

 Radio Gesù

CD O Bon Jesù
Società che ha realizzato questo sito © 2016 Canto Gesù ; 07/05/2001   Release 2016 - Compatibile 100% IE 11, Chrome, Firefox e Safari - Ottimizzato per risoluzione 1024x768 - All rights reserved. Sito della IDWEB società che ha realizzato questo sito