Danzaterapia

1 - Tema:
Corso di Introduzione e Approfondimento
sul "MOVIMENTO CREATIVO" e la "DANZA TERAPIA"

Danzare è un’espressione umana e l’uomo danza non per muoversi, ma per esprimersi. Quando attraverso un gesto, un movimento, un cenno, noi riusciamo a trasmettere un messaggio o un’emozione noi stiamo dando senso al nostro movimento, la forma estetica di questo senso è la danza. Il movimento conduce ad un migliore orientamento nella relazione con il nostro corpo. Attraverso il movimento noi entriamo in relazione definita con il mondo esterno e gli oggetti e solamente nel contatto con il mondo esterno siamo capaci di correlare le differenti espressioni riguardanti il nostro corpo. Lo studio dell’espressione del movimento consiste nell’educare il senso del movimento il relazione agli altri sensi, come manifestazione dell’intera personalità: emozioni, mente, corpo dell’individuo anche di fronte al gruppo e all’ambiente. Il senso del movimento può essere coltivato e potenziato attraverso un lavoro specifico fondato su esatti e precisi dati, esso può così facilitare l’equilibrio della personalità assecondando l’integrazione fisica e psichica dell’individuo.

 

2 - Finalità, Obiettivi, Metodologie di lavoro:
IL corso mira a ripercorrere le attività di movimento dalla filogenesi all’ortogenesi, integrando il patrimonio arcaico dell’individuo; a rivalutare e approfondire quelle attività connaturate proprie della specie umana quali strisciamento, rotolamento, andatura quadrupedica fino a schemi più sofisticati universali quali movimento, danza etnica, danza rituale.

Ricercando nel movimento e nel ritmo come ogni azione cosciente che vada a sovrastrutturarsi al modello che ogni persona ha di se e a modificarlo divenendo parte attiva integrata.

Capire e intendere come le incongruenze posturali e la conseguente disarmonia psico-fisica possono essere riequilibrate sia nelle persone normo-dotate, sia nelle persone portatrici di handicap attraverso il ritmo, il movimento , la danza.

3- Strumenti, Modalità, Tempi di verifica e di Valutazione:
Gli strumenti utilizzati sono la lavagna a fogli o a gessetti, un impianto di diffusione musicale per cassette e cd, chitarre e tastiere, strumenti a percussione vari, un ambiente grande per consentire il movimento dei singoli in relazione al gruppo e del gruppo stesso.In questo Corso ogni momento sarà utile per attuare una verifica costante. I risultati dei sottogruppi, intesi come veri e propri atti di manifestazione corporea, potranno essere analizzati e valutati dal gruppo intero.

4 – Programma dei lavori:
Il Corso prevede una durata di ore 28 articolate in due week-end. Circa sette ore al giorno durante le quali, attraverso esperienze di body work, video e lezioni, affronteremo argomenti che stanno alla base della danzamovimentoterapia

5 – Nome e qualifica del Direttore responsabile:
Silvano Martinelli, responsabile delle attività didattiche della Città della Musica

6 – Nominativi dei Relatori:
Lilia Bertelli, danzaterapeuta e direttrice del ‘Centro Toscano Arte e Danza Terapia’ di Firenze.

7 – Destinatari:
Il Corso è rivolto alle molteplici e diversificate figure professionali quali: educatori, professionisti della danza, fisioterapisti, assistenti sociali, insegnanti, psicologi, medici, operatori sanitari, operatori dell’Handicap e del Sociale.
Numero massimo di partecipanti: 60

8 – Specificazione dell’eventuale contributo finanziario richiesto ai partecipanti come concorso alle spese organizzative e gestionali: Ai partecipanti sarà richiesto un contributo di lire 5.000 all’ora.

9- Data dello svolgimento dell’attività:
Presumibilmente nel periodo tra Ottobre e Dicembre 1999; in alternativa potrà essere effettuato nei periodi Gennaio-Marzo 2000 o Marzo-Maggio 2000